Tra vent' anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti. Esplorate. Sognate. Scoprite.
Mark Twain


15 febbraio 2013

Belli pieni

Vai a capire che ca##o passa per la testa della gente.
E' di oggi una news piuttosto sconcertante.
Balneario Camboriù, come ho già detto più volte, è una città con un enorme potenziale, gode di un ottimo clima ed è immersa in una natura fantastica.
BC, però, sta diventando sempre di più la latrina del turista, che viene qui sì a portare soldi, ma riduce la città in un grande cesso a cielo aperto.

Si sta discutendo molto, in queste ore, su una legge in via di approvazione che prevede una forte penalizzazione nei confronti di tutti i mezzi non motorizzati ed elettrici.
La legge prevederebbe una multa ed il ritiro del mezzo (sia esso bici, skate, pattini e qualsiasi altro mezzo di locomozione "alternativo") nel caso in cui il conducente non si trovi sulla pista ciclabile o, qualora non fosse presente, non si percorresse la strada a lato del marciapiede.

Quando ho letto le prime righe dell'articolo di giornale che ne parlava, non capivo dove fosse il problema, perché secondo me è giusto che se esiste una pista ciclabile la si usi.
Poi, continuando a leggere arrivo alla nota stonata del pezzo.
Per come le strade, le piste ciclabili e i parcheggi sono stati concepiti, è praticamente impossibile non andare contro questa legge, perché tra il marciapiede e la strada ci sono le macchine, in tutte le principali vie della città.
Balneario Camboriù non è mai stato l'esempio, almeno da quando io mi trovo qui, di una buona gestione ambientale, disincentivando molte volte l'utilizzo di mezzi alternativi e portando sempre di più al congestionamento del traffico e ad una conseguente invivibilità della città stessa (ed è poi questo il motivo che quando qui arrivano le ferie estive preferisco farmele al freddo).
Qui non ci sono alternative all'automobile o alle moto, ed il trasporto pubblico è un disastro in tutti i sensi, senza considerare tutto il caos dei mezzi che stanno bruciando in queste settimane come a Novembre.
Sono ormai 3 mesi che non si riesce più a percorrere il centro in automobile perché è una unica maleodorante fila di auto.
Io non so cosa passa nella testa della gente che viene a spendere vagonate di soldi per venire qua d'estate, sul serio, io non capisco cosa possa esserci di tanto "chic" (visto che piace tanto questa parola) in una città imballata di gente schiamazzante, autoradio a tutto volume, aria irrespirabile sia per le auto che per i sistemi fognari, e per dei marciapiedi che sono inutilizzabili per gran parte della città... e non vado oltre.

In ogni angolo di mondo civilizzato (e con questo non sto tirando in ballo l'Italia) si da importanza ad un vivere sostenibile, con la consapevolezza che quello che abbiamo tra le mani ha un grande valore... e in quei paesi Civili le persone capiscono e sanno cosa vuol dire tutto ciò, e non lo usano solo per il marketing o per fare bella figura al bar.


14 commenti:

  1. Certo che dal post ed il video non si direbbe proprio un luogo rilassante.
    Ciao Yuri

    RispondiElimina
  2. Ciao Yuri,
    In effetti l'estate non è il miglior momento per venire qua, per come la penso io.
    Tant'è vero che lo sconsiglio ai miei amici o anche alla mia famiglia... ne rimarrebbero delusissimi.
    Se consideriamo, invece, i mesi di marzo-aprile e inizio di maggio e fine ottobre-novembre, si sta bene.
    Poi come si dice è tutto relativo.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Ciao Montanaro!
    Tu hai si ragione, tranne nel punto dove definisci l'Italia un paese civile. Solo per esempio, a Milano l'aria è inrespirabile 12 mesi su 12 e non solo per colpa delle auto.. abbiamo ancora le caldaie a gasolio... e a nessuno frega niente! Un altro esempio di inciviltà ambientale: Napoli e la sua spazzatura e non aggiungo altro. Un ulteriore esempio Gallipoli e le sue fogne... potrei continuare a lungo citandoti paesi e città inquinate e sporche per giorni, da nord a sud... e sai dove sta l'inciviltà nel TOTALE DISINTERESSE PRIMA DELLO STATO E POI DEI CITTADINI!
    No, l'Italia non è un paese Civile... e non solo dal punto di vista ambientale.. se vuoi possiamo parlare di elezioni... ;-)
    Poi che BC sia inquinata è un altro discorso..
    Ciao a presto
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, ti devo chiedere di leggere bene quello che scrivo.
      Ho proprio detto che non c'è Italia in quello che scrivo parlando di civiltà... ma non vuole essere nemmeno una critica... proprio l'Italia non c'entra una cippa con quello che scrivo.
      Nel tuo intervento noto tutta la tensione e il malumore di chi vive lì (spero che non tutti siano scontenti, chiaro)... mi dispiace e non mi dilungo.
      Ti ringrazio per il tuo intervento, anche se non volevo tirare in ballo il mio paese, mi trovi d'accordo in più aspetti che menzioni.
      Ciao,

      Elimina
    2. Ciao Montanaro, come ogni anno farò visita ai parenti di mia moglie in BC. Sarò lì durante la terza decade di marzo....mi farebbe piacere scambiare due chiacchiere.

      Saluti, Nicola

      Elimina
    3. Ciao Nicola,
      Sarà un piacere... ma per caso dovevamo già vederci l'anno scorso?

      Elimina
    4. No, io conosco il tuo blog solo da qualche settimana. Mi ha colpito perchè hai una storia abbastanza parallela alla mia. Anche io ho sposato una ragazza di BC, vengo lì per una 20ina di giorni ogni anno da 10 anni, ma vivo in Italia......quando sono lì ti faccio una mail così ci facciamo un aperitivo assieme.....

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Incamminato qui da un blogger che classifica i migliori blog e vi premia nel suo blog ti ho letto è commento: le piste ciclabili lì da voi sono occupate dalle auto e la vostra nuova legge confisca il mezzo a chi non le percorre. Qui a Fortaleza le ciclovie sono invase da barboni ambulanti o sono divelte dalla forza della natura o piogge torrentizie che le allagano. Ancora non c'è una legge che ci sequestra le cycle ma forse arriverà per mostrare al mondo quanto si è civilizzato il Brasile per i mondiali di Calcio. Sulla chiccheria o traffico selvaggio possiamo solo augurarci che la prima non ci contagi troppo ma credo che tra persone intelligenti riusciamo a scamparla; sulla seconda 'graças a Deus ainda não fui atropelado mas quase aconteceu. Ed io che consiglio sempre agli italiani di andare al sud dove c'è la civiltà. Al prossimo che mi chiede dove andare consiglio il Vietnan, Paese, dopo 23 anni di Brasile, dove sto appontando le miei ricerche
    Saudações

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Grazie per il tuo commento.
      Io non sono più tanto ottimista come all'inizio, per cui non dirò che di sicuro si raggiungeranno standard da nord europa.
      Penso che però il Brasile abbia una gran voglia di far vedere che ce la può fare, e credo tra qualche anno si vedranno delle migliorie.
      Parlando di civiltà non saprei, magari ti viene da dire così perché vivi e vedi ciò che ti sta intorno... per quello che mi riguarda, però, non ho molti bei pensieri a riguardo.
      Ciao!

      Elimina
    2. Parlando di civiltà non saprei, magari ti viene da dire così perché vivi e vedi ciò che ti sta intorno... per quello che mi riguarda, però, non ho molti bei pensieri a riguardo.

      --------------------------------------------------------------------------------------------------------

      Ti capisco Montanaro ma la 'defezione'sociale non deve intaccare il nostro umore tanto più che il Brasile ha delle risorse umane che l'Italia non ha più.
      Bom Dia

      Elimina
    3. Sì, sono d'accordo... in linea generale si sono perse un pò di cose negli ultimi anni. Consideriamo cmq (per fare un pò di retorica) che esistono ancora delle grandi persone.
      A presto Flavio!

      Elimina